Minuscolo Spazio Vocale - Biblioteca Angelica su:ggestiva @ Biblioteca Angelica, Rome [7 dicembre]

Minuscolo Spazio Vocale - Biblioteca Angelica su:ggestiva


258
07
dicembre
20:15 - 22:15

 Pagina di evento
Biblioteca Angelica
Piazza di S. Agostino 8, 00186 Roma
Arte2o e Procult presentano all’interno della Biennale MArteLive
e grazie al sostegno di ATCL Lazio

su:ggestiva – musica pura per luoghi straordinari

— Minuscolo Spazio Vocale in concerto alla Biblioteca Angelica

Giovedì 7 dicembre 2017

ore 20:15 degustazione vino
ore 21 concerto

Ingresso 10 euro*
Consigliata la prenotazione su: [email protected]
oppure prevendita da lunedì 4 su: marteticket.it
max 90 posti

Con il biglietto d’ingresso vi verrà offerta un bicchiere di vino da degustare prima dell’inizio del concerto.

— su:ggestiva è un’esperienza di ascolto in location straordinarie, promosso da Martelive e Arte2o Eventi, con l’obiettivo di portare performance musicali di alta qualità in luoghi improbabili e fascinosi e di creare momenti dal grande impatto emozionale per il pubblico



Minuscolo Spazio Vocale è un dodicetto a cappella che spazia dalla musica pop a quella sacra, diretto da Dodo Versino.
Un brillante esempio di versatilità e impatto vocale.

— Su:ggestiva nasce da un'idea di Giuseppe Casa ed è diretto e realizzato da Arte2o e Martelive. E' una rassegna che vuole scardinare le regole e ridefinire il concetto stesso di musica contemporanea. In un mondo divorato dal digitale si avverte sempre di più la necessità di tornare alle origini, all’analogico, al suono più naturale possibile, ad un ambiente reale intimo ed emozionante di per sè, senza nessun intervento tecnologico.
La base del progetto è proprio quella di far esibire dei musicisti in carne e ossa in posti inconsueti, suggestivi, rari, pregiati, facendoli suonare con pochi filtri e in modo essenziale, e permettere al pubblico di godere di questi momenti magici e particolarissimi
La forza di Su:ggestiva è nella sua vocazione “site-oriented”. É un progetto che permetter di valorizzare e dare una diversa esperienza di fruizione a luoghi starordinari o anche poco noti e sperduti, piccoli tesori di cui Roma ed in generale il nostro Paese sono pieni e che possono trovare nuova promozione anche grazie a questi happening musicali.

— MINUSCOLO SPAZIO VOCALE
Soprani: Olivia Calò, Serenella Casilli.
Mezzosoprani: Giulia Marinelli, Caterina Sansonetti.
Contralti: Mariagiulia Focarelli, Chiara Meschini.
Tenori: Daniele D'Alberti, Pietro Meschini.
Baritoni: Mauro Ciarniello, Marco Proietti.
Bassi: Enrico Dedola, David Ravignani.
Direttore: Dodo Versino.

“Fenomenali poteri cosmici… ” diceva il genio della lampada.
Ora, di certo in questo gruppo nessuno si crede geniale, né tanto meno pretende di avere chissà quali poteri in ambito canoro. È vero però che si tratta di gente che canta in coro da tanto tempo, che ci tiene a farlo al meglio possibile e che misteriosamente ha deciso di confluire in una formazione quanto mai insolita: il MINUSCOLO SPAZIO VOCALE è infatti troppo piccolo per essere considerato un coro e troppo grande per rientrare nella categoria dei gruppi vocali.
Fondato nel 2015 da Dodo Versino, ideatore di progetti strampalati quali Anonima Armonisti, Coro Cantering, VokalFest e altre brutte faccende, il Minuscolo, già conosciuto come “dodicetto”, “ridotto”, “bonton” e una serie infinita di altri nomi provvisori, è composto da una dozzina di elementi — sei uomini e sei donne divisi a coppie per sei sezioni — provenienti dalle esperienze canore più disparate, da cori di musica sacra a quelli gospel, da gruppi vocali di musica barocca al vocal pop più spinto. E questa provenienza variegata si rispecchia immancabilmente nella scelta del repertorio, mai come in questo caso a 360 gradi: il Minuscolo infatti canta di tutto, dal sacro al profano, dal rinascimento ai giorni nostri. È un gruppo “random” (altro nome preso in considerazione), in cui gli elementi vanno e vengono, i brani cambiano di epoca e provenienza, persino i giorni e gli orari delle prove sembrano fluttuare in balia del caso. Eppure ogni volta ci si ritrova, felici di aver preso parte a qualcosa di bello e decisamente inconsueto.

# # #

La Biblioteca Angelica è la prima biblioteca pubblica di Roma, che si trova a Roma in piazza Sant'Agostino, nei pressi di piazza Navona, accanto alla basilica di Sant'Agostino in Campo Marzio.
Il patrimonio della biblioteca è piuttosto articolato: i manoscritti sono circa 2.700 tra latini, greci ed orientali, e 24.000 i documenti sciolti. La biblioteca possiede inoltre più di 1.100 incunaboli e circa 20.000 cinquecentine; 10.000 circa sono le incisioni e le carte geografiche conservate dall'istituzione. Imponente è anche il posseduto di libri contemporanei, per cui è previsto il servizio di prestito.
La biblioteca rappresenta, in virtù della natura del suo patrimonio librario, un punto di riferimento imprescindibile per chi voglia studiare il pensiero di sant'Agostino e la storia dell'ordine agostiniano nonché quella della Riforma protestante e della controriforma cattolica.

Aperta nel 1604, l'Angelica è considerata nel contesto europeo assieme alla biblioteca Ambrosiana di Milano e alla Biblioteca Bodleiana di Oxford come uno dei primi e più chiari esempi di biblioteca «pubblica», ovvero di un'istituzione creata con il chiaro intento di fornire accesso ai libri ad una comunità di lettori quanto più ampia possibile[1]. La biblioteca Angelica venne fondata grazie al lascito del vescovo marchigiano Angelo Rocca (1546-1620), da cui prese il nome. Questi, agostiniano, affidò la propria ricca raccolta libraria ai frati del suo ordine presenti a Roma, dotandola di proprie rendite e prescrivendone l'apertura a tutti, senza limite di sorta. In linea con questa visione del ruolo «divulgativo» della biblioteca, nel 1608 Rocca pubblicò un breve testo intitolato Bibliotheca Angelica il cui scopo era di fornire all'utente una prima introduzione al materiale contenuto nell'Angelica[2]. Dopo la morte di Rocca, il patrimonio della biblioteca iniziò molto presto ad accrescersi grazie a nuove donazioni: nel 1661 Lucas Holste, custode della Biblioteca Apostolica Vaticana, lasciò agli agostiniani dell'Angelica la sua ampia collezione di libri a stampa; nel 1762, grazie alle rendite di cui si parlava, fu acquistata la biblioteca del cardinale Domenico Passionei, morto l'anno precedente. Questa acquisizione in pratica raddoppiò il patrimonio della biblioteca, e ne determinò in larga parte l'orientamento scientifico: il cardinale Passionei, infatti, era stato legato pontificio in vari paesi dell'Europa protestante, e vi aveva acquistato un larghissimo numero di testi religiosi e polemici; egli era legato, tra l'altro, all'ambiente del giansenismo romano. È a questo ampliamento della collezione che risale l'attuale sistemazione del salone monumentale dell'Angelica, dovuta alle sopravvenute esigenze di spazio: sistemazione dovuta all'architetto Luigi Vanvitelli e ultimata nel 1765.
Nel 1873, come previsto dalla legge, emanata sei anni prima, di eversione dell'asse ecclesiastico, la biblioteca fu acquisita dal neonato Stato italiano. L'arricchimento del patrimonio librario continuò anche in questo periodo: nel 1919 vi fu incorporata un'importante collezione di opere edite da Giambattista Bodoni, e alla fine del secolo vi pervenne la curiosa raccolta di 954 libretti d'opera ottocenteschi appartenuta a Nicola Santangelo, già ministro degli Interni del Regno delle due Sicilie e appassionato melomane.
Dal 1940 l'Angelica è sede dell'Accademia letteraria dell'Arcadia, di cui conserva, tra l'altro, il patrimonio librario (circa 4000 pezzi).
Dal 1975 dipende dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Nello stesso anno fu acquisita la collezione libraria del critico letterario Arnaldo Bocelli.

---
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi più atteso in Roma :

Rave Party GOA nel Fantabosco
Fantabosco
Aspettando VASCO#NoStop Roma18
Rome, Italy
Cacio e Pepe Festival - Roma
Roma, Lazio, Italy
Hokusai: Sulle orme del maestro (mostra)
Via dell'Ara Pacis, 00186 Roma RM, Italia
Gratuito - Dentro Castel Sant' Angelo
Castel Sant'Angelo Roma
Cantare bestemmie in gospel
Piazza dell'Immacolata, 00185 Roma RM, Italia
Marilyn Manson Live @Piazza San Pietro
Piazza San Pietro - Vaticano, Roma, Italia
A Capodanno mi sbronzo, ma con dignità! (al Drinkery)
Radio Drinkery
Ingresso Gratuito : Dal Palatino Al Foro Romano
Foro Romano, 00186 Roma RM, Italia
SOLD OUT • Coez // Roma - PalaLottomatica
PalaLottomatica
Gli eventi più popolare nel tuo newsfeed!